Riconoscere la dignità dell’altro, per ritrovare la politica

IMG_1229

Al Forum di Etica Civile in corso a Milano, la mattinata di domenica 2 aprile si è aperta con le relazioni di Gherardo Colombo, magistrato in pensione e fondatore dell’associazione “Sulle regole”, e Antonio Autiero, filosofo e teologo dell’Università di Münster. Entrambi hanno preso spunto dal titolo della sessione, “Ritrovare la politica”.

«Se occorre ritrovare la politica – ha sottolineato Colombo – significa che la politica si è persa. O forse è più corretto dire che ci siamo persi noi. O ancora meglio dobbiamo riconoscere che un certo tipo di politica, coerente con un determinato modello di società, non l’abbiamo ancora trovata. Siamo infatti stati abituati per secoli a vivere in una società fondata sulla discriminazione, e questa mentalità è ancora dentro di noi».

L’ex-magistrato di Mani pulite si è soffermato in particolare sul valore cruciale dell’articolo 3 della Costituzione italiana-  «Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge» – ricordando come questa affermazione, che trova numerosi echi in Dichiarazioni internazionali successive, sia arrivata pochi anni dopo le leggi razziali del 1938 e altre evidenti negazioni della pari dignità umana. Un principio straordinario, che però deve ancora in gran parte essere applicato: «Non siamo ancora capaci di gestire una società in cui le persone hanno pari dignità. Forse non abbiamo ancora nemmeno compreso cosa significa essere cittadini. I cittadini, per essere tali, devono esercitare la loro sovranità. Invece molti cittadini preferiscono essere sudditi. E poi pensiamo ai tanti ambiti – le relazioni internazionali, la sanità, la scuola, il sistema giudiziario – in cui questo principio è tradito. Questo perché siamo ancora imbevuti di una cultura che considera normale la discriminazione tra le persone».

Si tratta dunque di trovare, prima ancora di una nuova politica, una nuova cultura: «Si tratta – ha concluso Colombo – di riconoscerci, prima ancora di riconoscere l’altro, di riuscire a capire che cosa pensiamo veramente dell’essere umano: lo pensiamo come un bambino che ha bisogno della mamma? Come un suddito? Oppure come un essere adulto, persona responsabile della sua libertà? Questo riconoscimento, conseguenza dell’affermazione della dignità universale dell’uomo, è la base dello stare insieme».

Come Colombo, il professor Autiero ha iniziato la sua relazione facendosi interrogare dal titolo dell’incontro, ricordando che non si tratta di farsi prendere dalla nostalgia di un passato smarrito. Ogni epoca deve trovare una nuova politica, un orizzonte ispirativo del nostro stare insieme che non ha mai una compiutezza definitiva.

Il docente italo-tedesco si è poi soffermato sui concetti chiave di politica, cittadinanza, città, appartenenza, arrivando a formulare una originale definizione di politica: «L’arte della cura delle relazioni tra soggetti riconosciuti, in vista del bene comune, in una città resa abitabile». Questa concezione è il fondamento di un’etica ecologica che cambia il proprio orizzonte: «Con questo riferimento alla cura, alla “logica della casa ” – ha spiegato – l’etica ecologica diventa l’etica fondamentale della vita sociale: non più solo una delle branchie dell’etica applicata».

Con riferimento al tema delle regole (nomos), Autiero ha sottolineato come queste da sole non bastino e richiedano alla politica un lavoro immane di aggiornamento. «Servono allora degli strumenti compensatori, non sostitutivi delle regole – ha concluso -: un ethos collettivo e il pathos, ovvero la presa in cura, lo sguardo sull’altro, il chinarsi sulla vulnerabilità dell’altro. Così possiamo ritrovare la politica, o meglio trovare una politica nuova, buona per l’oggi e forse anche per il domani»

Una risposta a “Riconoscere la dignità dell’altro, per ritrovare la politica

  1. Prestito di offerte tra particolare serio e onesto

    Vi presento il Signor panduccio GREGORIO, vengo con questo messaggio per informarvi delle mie offerte di prestito.
    Io sono un prestatore certificato e la metto in pratica in questo settore per un lungo periodo di tempo. Ho iniziato in questo settore sotto consiglio di un quadro finanziario di questo settore di attività mi permette comunque di aiutare le persone nel bisogno e la buona gestione del mio capitale.
    Ho concedere prestiti a qualsiasi persona che desideri assistenza finanziaria.
    Questo è un prestito tra particolari condizioni, specifiche e semplice per questo fatto, alcune disposizioni sono fatte per il corretto svolgimento della procedura.
    Il mio tasso di interesse su tutta la durata del prestito è l ‘ 8 % e il rimborso è effettuato con cadenza mensile.
    Tuttavia, se siete interessati, vi prego di contattarmi via e-mail :panducciogregory@gmail.com / o contattarmi direttamente sul mio numero : 0033 756 825 552 /Whatsapp
    Grazie per la comprensione.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...